Visita Dietistica

 Home

Nutrizione ed osteopatia

Se da una parte il trattamento osteopatico si basa sul dare informazioni all’organismo al fine di ritrovare lo stato di benessere, dall’altro lato un percorso nutrizionale personalizzato ha lo scopo di raggiungere lo stesso obiettivo attraverso la scelta dei giusti alimenti.

Essere in una condizione di sovrappeso o obesità, ad esempio, è solo in apparenza una problematica facilmente risolvibile con il netto “taglio” delle calorie all’interno della dieta giornaliera. In realtà l’eccesso di massa grassa porta l’organismo ad essere in un costante stato di infiammazione di basso grado con importanti conseguenze sulla salute dell’intero organismo, tra cui varie problematiche osteo articolari. Inoltre anche la funzionalità intestinale è coinvolta nell’aumento peso così come in tutti gli stati infiammatori di diversa natura. Oggi si parla tanto di intestino, ed in particolare di microbiota intestinale (popolazione batterica intestinale) proprio perché, dal punto di vista scientifico, è sempre più evidente che questo organo è un detentore della nostra salute e in stretto legame con tutti gli apparti del corpo.

Uno dei compiti del dietista è prendersi cura di questo organo dal punto di vista nutrizionale ed essere la guida di un percorso nel quale il cibo è concepito come prezioso strumento di salute.

È proprio per questo motivo che la sinergia tra trattamento osteopatico e nutrizionale è un fondamento per il riequilibrio del corpo, finalizzato al raggiungimento del benessere e della guarigione.

Chi è il dietista

Il dietista è l’operatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate alla corretta applicazione dell’alimentazione e della nutrizione (Decreto Ministeriale 14/09/1994). Si occupa di elaborare piani dietetici personalizzati sia in soggetti sani che patologici (su prescrizione medica). Le sue aree di intervento spaziano dalle problematiche di sovrappeso ed obesità fino ai disturbi dell’apparto gastrointestinale e muscolo-scheletrico.

In che cosa consistono le visite dietistiche?

Nel corso della prima visita viene condotta un’attenta indagine sulle abitudini alimentari e sulla storia patologica personale. A seguire viene effettuata l’analisi della composizione corporea , la valutazione dello stato nutrizionale e la rilevazione delle misure antropometriche (peso, altezza, circonferenze e pliche cutanee). Vengono quindi poste le basi per l’elaborazione del piano alimentare. Ciascun piano alimentare viene interamente personalizzato in base alle esigenze del paziente ed aggiornato durante tutto il percorso nutrizionale.

Nel corso delle visite di controllo, invece, vengono valutati i risultati ottenuti, ripetute le rilevazioni dei parametri corporei e soprattutto stabiliti i nuovi obiettivi terapeutici. La cadenza delle visite di controllo può essere variabile e viene stabilita in base alla problematica trattata.